Caterina meglio conosciuta da tutti col nome Nea nacque il 15 luglio 1945 in tempo di guerra. Gli aerei spararono sulla nostra mamma mentre tornava a casa dalla campagna e Nea nacque” diversamente abile.”

Caterina  è stata una figura storica della Conca:.tutti la conoscevano e tutti l’amavano ..Anche lei conosceva tutti per nome e a tutti sorrideva chiedendo della loro salute e della loro vita e rincuorando chi aveva dei problemi .Riusciva nella sua disabilità a fare la spesa,  e fare qualche lavoretto:la sua passione era il punto croce con cui eseguiva coloratissimi cuscini da donare.

Quante ore passate in PATRONATO a giocare come una eterna bambina con le sue amiche e con le suore! Quando fu aperto l’asilo, tutte le mattine andava  a salutare i bambini che la chiamavano per nome  e lei aveva un sorriso per ognuno di loro.

In casa aiutava volentieri la famiglia e con passione faceva alcune faccende domestiche. Noi fratelli e sorelle l’amavamo con tutto il cuore e più tardi anche i nipoti impararono a volerle un mondo di bene.

Fu di grande compagnia ai suoi genitori  anziani e alla sorella ammalata e quando anche lei si ammalò , sopportò con pazienza pregando e sempre con il sorriso  la  lunga malattia.

 Noi la chiamavamo “ l’ANGELO DELLA NOSTRA CASA” e ancora adesso sento che come un Angelo veglia su tutti noi, sui nipoti e  sui pronipoti perché ci amava tutti indistintamente e per tutti aveva una parola buona.

Sono sicura che da lassù guarda anche la sua Conca , la Chiesetta dove andava a Messa  e prega per tutti quelli che l’hanno conosciuta  e l’hanno amata.

Teresa Barausse